5 cose da sapere sul gruppo Memphis
Fabio Noli 16 Marzo 2020

Il collettivo fondato da Ettore Sottsass ha influenzato in maniera indelebile il Design moderno fino a diventare un fenomeno culturale a tutti gli effetti.

memphis

 

 

Era il dicembre 1980 quando al genio eclettico di Ettore Sottsass venne l’idea  di rompere gli schemi del disegno del prodotto industriale degli anni ’70, questo caratterizzato da linee minimaliste così come i colori sobri e neutri. E così, insieme ai colleghi Michele De Lucchi, Peter Shire, Matteo Thun, Marco Zanini e molti altri, iniziò una stagione di lavori eclettici e stravaganti che hanno creato uno stile espressivo che abbracciava le logiche del prodotto industriale e la personalità dell artista.

 

 

memphis
Peter Shire – Divano mod. Big Sur

 

1

Il nome “Memphis” per un collettivo di artisti designer milanesi potrebbe essere fuorviante. La storia racconta che  durante l’incontro inaugurale del gruppo stesse suonando un pezzo del mitico album Blonde on Blonde di Bob Dylan  “Stuck Inside of Mobile with the Memphis Blues Again”, quando il giradischi in casa di Sottsass si inceppò proprio in coincidenza della frase “with the Memphis Blues Again”. Questo nome risultò a tutti appropriato, sia perché Memphis era la casa natale del leggendario Elvis Presley, sia perché richiamava il nome della capitale egiziana antica (Menfi), così da poter giocare con la cultura alta, storica, e la cultura popolare e moderna.

 

 

memphis
Peter Shire – Poltrona mod. Bel Air

 

 

2

 

Dopo poco tempo Barbara Radice, giornalista, designer e moglie di Ettore Sottsass, prese in mano le redini artistiche del gruppo, organizzando mostre in tutto il mondo. Lo stile audace, personale ed eclettico dei lavori del collettivo si sposavano perfettamente con le tendenze post-punk degli anni ’80, che non si allineavano alle tendenze del buon gusto nell’arredamento. Il successo fu immediato, anche se Sottasass sapeva che sarebbe stato un progetto a termine. Una volta data una scossa e rivoluzionato i canoni del design minimalista e lineare, Sottsass lasciò il collettivo nel 1985, il quale si sciolse definitivamente nel 1988

 

Peter Shire – Divano mod. Las Vegas della collezione Tops

 

3

 

Il primo Iwatch creato nel 1995 fu un orologio al quarzo in omaggio inserito nell’acquisto di software Apple con integrato il sistema Mac 7.5. L’attenzione di Apple al Design non poteva che omaggiare il collettivo Memphis, con lancette di minuti, ore e secondi che richiamavano quello stile inconfondibile.

 

 

 

4

 

Nathalie du Pasquier fu una delle più giovani partecipanti e fondatrice del collettivo. Tutta la sua produzione è tutt’oggi influenzata dall’esperienza Memphis, tanto da produrre una intera linea firmata per il famoso marchio americano American Apparel ispirata proprio ai colori e alle forme Memphis.

 

 

Nathalie du Pasquier for American Apparel

5

 

Anche l’alta moda subì la fascinazione dei colori e delle linee del gruppo Memphis. Dior nel 2011 ne fece una linea a richiamo di alcuni degli oggetti più caratteristici del gruppo, così come Karl Lagerfield (che fu un grande collezionista dei loro prodotti), Valentino e Missoni.

 

 

Christian Dior Memphis Collection Fall 2011

 

 

 

Scopri di più sui lotti in asta su cambiaste.com

Avatar
Fabio Noli