Il treno dell’infanzia di De Chirico
Fabio Noli 10 novembre 2018

Il treno dell’infanzia di De Chirico

Il significato del treno nelle piazze d’Italia del grande pittore metafisico


Forse non tutti sanno che il trenino a vapore spesso rappresentato da De Chirico sullo sfondo delle sue “Piazze d’Italia”,  fu ideato da suo padre, Evaristo De Chirico.
La linea ferroviaria progettata dall’ingegnere tra il 1894 e il 1903, partiva da Vòlos (città natale di Giorgio) e correva tra le valli e le montagne del Pelion , per 29 chilometri , terminando la sua corsa a Miliés,  piccolo villaggio, famoso per le sue mele.
L’Ingegner Evaristo portava spesso con sé suo figlio sul cantiere ed il piccolo Giorgio ebbe quindi l’occasione e l’opportunità di osservare a lungo questo strano, nuovo mezzo di trasporto.

 

Il treno di de chirico

 

Questo treno serviva a trasportare merci e persone,  e ad aiutare così gli abitanti della penisola nello sviluppo dei commerci locali e a farne conoscere la cultura.
Moutzouris,questo era il nome del treno, è ancor oggi funzionante e rappresenta un’attrattiva turistica della zona.
A quel tempo il pittore doveva essere un bambino di circa sei anni ,ma il ricordo di Moutzouris rimase parte indelebile del suo immaginario, tanto da essere quasi sempre presente nelle sue piazze silenziose, abitate da architetture e monumenti, a volte classici e a volte  moderni.

 

 

Giorgio De Chirico fu in viaggio per tutta la vita: dall’infanzia a causa del lavoro del padre, fino alla vecchiaia dato il suo successo come artista che gli fece girare il mondo e vivere in luoghi differenti.
Il treno per De Chirico raffigura perciò il mito dell’infanzia ma simboleggia anche l’angoscia dovuta alle frequenti partenze, ai viaggi, alle attese, ai ritorni che hanno costellato la sua vita. Nelle sue piazze, unico elemento in movimento nel paesaggio, il trenino però rappresenta anche il progresso che avanza inesorabile,  al quale l’uomo rende omaggio, come si vede in questa piazza, dove la scultura , vista di spalle, sembra salutare la locomotiva sbuffante sullo sfondo.

 

Piazza d’Italia – Giorgio De Chirico. In Asta da Cambi nell’appuntamento Arte Moderna e Contemporanea

 

Cambi presenta una splendida piazza d’Italia nel prossimo appuntamento di Arte Moderna e Contemporanea. 

L’opera sarà in asta il 4 Dicembre a Milano con una stima di €90.000/120.000

olio su tela, cm 30×40
firmato in basso a destra
firmato al retro
Timbro al retro della Collezione Aldo Seno, Venezia
Opera registrata presso la Fondazione Giorgio e Isa de Chirico, Roma, con il n. 007/06/18 OT

 

Scopri tutte le nostre aste su cambiaste.com

Fabio Noli

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi